Sequestrato viadotto A20 Messina-Palermo a rischio crollo

Indagini tecniche ne hanno evidenziato la grave situazione di disassamento-disallineamento dei suoi basamenti dai pilastri portanti Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print

PALERMO – Sequestrato un viadotto dell’autostrada A20 Messina-Palermo. Il provvedimento, disposto dal gip del Tribunale di Patti (Messina) Eugenio Aliquo’, riguarda il viadotto Buzza, della carreggiata in direzione Palermo, nel tratto compreso tra il chilometro 119,620 e 120,840, nel territorio del Comune di Caronia. L’autostrada e’ gestita dal Consorzio autostrade siciliane. Resta libero e aperto al traffico, invece, il viadotto parallelo nella carreggiata in direzione Messina e sul quale e’ stato spostato tutto il traffico veicolare con l’istituzione del doppio senso di marcia.
Il sequestro, nato su richiesta dei sostituti procuratori Giorgia Orlando e Federica Urban, e’ stato emesso in virtu’ di indagini tecniche che hanno evidenziato come lo stato del viadotto, “alla luce della grave situazione di disassamento-disallineamento dei suoi basamenti dai pilastri portanti – spiegano gli inquirenti – debba essere corretto immediatamente per scongiurare il rischio serio e concreto di cedimento immediato e di collasso dell’intera struttura”.

Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print

Leggi anche:

viadotto A20 messina-palermo

Sequestrato viadotto A20 Messina-Palermo a rischio crollo

Giancarlo Cancelleri

Al via i lavori del terzo lotto della Statale Jonica, Cancelleri: “Giornata storica”

Bari-Napoli, il progetto ferroviario atteso da decenni è ora completamente finanziato

traghetto_sicilia

Coronavirus, grandi limitazioni al traffico passeggeri da e per la Sicilia

A 12 anni dal crollo partono i lavori del ponte sul fiume Savuto di Catanzaro

Viabilità, tredici milioni in cinque anni alla provincia di Potenza

L'articolo Sequestrato viadotto A20 Messina-Palermo a rischio crollo proviene da dire.it.

Da dire.it

Loading...