News locali

Scuola calcio Cantera tra grandi successi e… l’attesa di un campo sportivo per le gare ufficiali

La scuola calcio Cantera è una realtà sempre più consolidata e conosciuta. Ma non fatevi ingannare dal nome perché non si tratta di una società spagnola, bensì di una scuola che si trova proprio a Catania, nel quartiere di Barriera del Bosco.
Nata nel 2016 dall’idea di Carmelo Puglisi, ex calciatore professionista e attuale presidente, in poco tempo la Cantera ha coinvolto ottimi istruttori e un numero sempre crescente di giovanissimi, che si allenano con dedizione nei campi della struttura di via Laurana. Negli ultimi mesi, inoltre, l’arrivo di ragazzi di 15 e 16 anni ha permesso alla società di costituire la nuova categoria degli allievi per l’imminente stagione sportiva; categoria che si aggiunge a quella dei giovanissimi, degli esordienti, dei pulcini e dei primi calci, presenti già dall’inizio. In questo progetto Carmelo Puglisi è coadiuvato da mister Salvo D’Arrigo e da un competente staff tecnico e medico.
Il 20 ottobre prenderanno il via i campionati degli allievi e dei giovanissimi (i più piccoli cominceranno nei primi di novembre) ma c’è un però: non è ancora noto il campo dove saranno disputate le gare ufficiali. La scelta della società è ricaduta sul campo Velletri, zona Picanello, ma si attende ancora l’ok del Comune per l’agibilità e quindi per la disponibilità. In caso di mancata autorizzazione, giovanissimi e allievi giocherebbero al campo di Zia Lisa o al Duca D’Aosta o al campo Seminara. Insomma, il problema dei campi sportivi, che la Sicilia conosce molto bene, pare essersi esteso anche ai più giovani, ma verrà presto risolto. Nessun intoppo invece per esordienti, pulcini e primi calci che continueranno ad allenarsi e a giocare nei campetti della Cantera.
Campi a parte, il progetto decolla. Come ci ha spiegato Carmelo Puglisi, la società mira a far crescere i giovani e a farli migliorare dal punto di vista tecnico e tattico, ma si impegna anche ad insegnare loro la capacità di stare e di lavorare insieme. “L’obiettivo non è vincere ma farli crescere” – ripete. E chissà che un giorno uno di questi piccoli sognatori non possa arrivare in alto…

Sicra Press