News locali

IL MADE IN SICILY CONQUISTA LA CINA

Nel 2018 le esportazioni siciliane verso la Cina sono cresciute del 46,1% grazie all’incremento notevole della farmaceutica (quasi raddoppiata rispetto al 2017) e della chimica (+34,6%) seguita a ruota da alimentari e bevande (+29,5%). Un trend che, secondo una elaborazione di Sace su dati Istat, continua ad essere positivo anche nel 2019 con un +10,3% registrato tra gennaio e marzo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A tracciare il quadro dei rapporti tra la Sicilia e la Cina è stata, a Palermo, la Fondazione Italia-Cina in occasione della presentazione del X Rapporto annuale “Cina. Scenari e prospettive per le imprese”, organizzata in collaborazione con Sicindustria, partner di Enterprise Europe Network, e con il supporto di Nctm e di Sace-Simest.

Più nel dettaglio, nel 2018 l’interscambio Sicilia-Cina si è attestato a quota 258,2 milioni di euro di importazioni e 214,6 milioni di esportazioni e una fetta importante è quella rappresentata dal Food&Beverage che è tra le poche voci a far registrare un saldo positivo dell’export rispetto all’import: nel 2018 la Sicilia ha esportato prodotti alimentari e bevande verso la Cina per 16,7 milioni di euro (contro i 12,9 dell’anno precedente) e ne ha importato 8,1 milioni (erano 9,4 nel 2017).

“Grazie all’incremento dei viaggi all’estero e al crescente desiderio per i prodotti alimentari occidentali – ha sottolineato Giuseppe Cassarà, presidente di Federturismo Sicindustria – la Cina presenta ancora moltissime opportunità per le nostre aziende dell’agroalimentare. Ma non solo. La Cina è infatti anche il più grande mercato del turismo sia in termini di spesa che di numero di viaggi verso l’estero e ormai dal 2012 guida la classifica come top-spender per il turismo internazionale. La Sicilia si sta inserendo sempre più in questo circuito e proprio per sfruttare l’enorme potenziale dell’Isola e attirare più visitatori cinesi Sicindustria il mese scorso ha firmato un protocollo di collaborazione con Ctrip, la più grande agenzia di viaggi online dell'Asia con 300 milioni di utenti registrati”.

“La Cina – ha spiegato Marco Bettin, direttore operativo della Fondazione Italia Cina – si trova in una nuova fase della propria economia, caratterizzata da un tasso di crescita più lento, che la porterà ad essere un’economia avanzata e basata in particolare su consumi, servizi e innovazione e dove l’elemento cardine è rappresentato dalla necessità di sostituire la quantità con la qualità".

"Una seconda linea di tendenza – ha aggiunto Bettin – ruota intorno alla sempre maggiore importanza dei consumi, al fine di sostenere la crescita economica del Paese in futuro, ed è per questo che sono sempre più incentivati. L’inaugurazione della China International Import Expo a Shanghai, nel mese di novembre, ha certificato la volontà di Pechino di modificare almeno in parte l’archetipo della Cina come 'fabbrica del mondo'. La fiera, gratificata dalla presenza di Xi Jinping, rappresenta l’inversione di questo paradigma, a favore della domanda di prodotti di qualità da parte dei consumatori cinesi”.

"La Cina – ha evidenziato l’assessore regionale dall’agricoltura Edy Bandiera – è un paese che ha una crescita economica importantissima, un Pil che cresce a ritmo di due cifre e quindi c'è un'attenzione prioritaria da parte delle politiche di esportazione del governo regionale che stiamo portando avanti”.

"In Sicilia – ha proseguito – abbiamo 64 prodotti a marchio di qualità fra Dop e Igp, parliamo di 33 del food e 31 del vino. Abbiamo già iniziato con alcune produzioni per riuscire a penetrare i mercati. Devo dire che i numeri sono confortanti, c'è una crescita che è costante. Ma siamo all'inizio. La Cina si sta interessando a noi e noi ci siamo attrezzati e ci stiamo attrezzando per rispondere alle esigenze di questo mercato e quindi ci aspettiamo una crescita che certamente non potrà che essere importante".

Sui prodotti più richiesti: "Sicuramente il nostro vino, c'è grande attenzione in buona parte del mercato asiatico – ha evidenziato l'assessore Bandiera -. La Cina guarda al vino di qualità e finalmente si rivolge con grande attenzione alla Sicilia perchè ha accolto lo sforzo che i nostri agricoltori e imprenditori hanno intrapreso nei ultimi dieci/vent'anni, uno sforzo che è andato nella strada di abbandonare le produzioni dello sfuso che poi andava a tagliare altri vini. In questo ovviamente la Regione ci sostiene in tutti i modi".