La solitudine del boss e i monologhi con se stessoCosì Caporrimo aiutava gli investigatori senza saperlo

Prima di tornare a prendere in mano le redini del mandamento, il leader degli ortodossi aveva risposto all'ascesa delle nuove leve di Cosa Nostra esiliandosi a Firenze. Una scelta sofferta, che lo porta spesso a lunghe chiacchierate con interlocutori immaginari

Continua a leggere l'articolo su MeridioNews