News Nazionali

LA MODA ATTRAE I TURISTI STRANIERI IN ITALIA ANCHE “FUORI STAGIONE”

ROMA (ITALPRESS) – L’Italia stuzzica gli iberici a darsi allo shopping: i prodotti made in Italy incentivano gli acquisti. Il Belpaese – stando al monitoraggio di Enit-Agenzia Nazionale del Turismo che ha analizzato le vendite degli operatori esteri dell’organizzazione intermediata dei viaggi – incentiva gli spagnoli allo shopping e conquista un nuovo trend positivo con una crescita per le vendite del brand Italia del 5 per cento per l’estate 2019 rispetto al medesimo periodo del 2018. Ad attrarre gli spagnoli i beni di nicchia. Lo shopping resta una delle motivazioni più importanti che spinge il turista straniero a visitare il nostro Paese. E sono soprattutto le città mete cult della moda ad attrarre i portafogli dei visitatori: Roma, Milano e Firenze per Belgio, Spagna e Russia. I russi prediligono Milano, gli outlet e i grandi centri commerciali di Rimini. Ben ricercata oltreoceano anche Venezia come destinazione in cui spendere. Così la Penisola incassa 1,5 miliardi di euro circa (nel 2018) grazie agli acquisti internazionali: la spesa è aumentata del +2,5% rispetto all’anno precedente e rappresenta il 3,5% del totale complessivo speso dagli stranieri in visita nel nostro Paese. Il primato è della Lombardia (813 milioni di euro), che raccoglie più del 55% della spesa turistica totale degli stranieri in Italia per acquisti e shopping non solo per la vicinanza dei principali mercati europei di provenienza ma anche per la presenza di destinazioni esclusive e di poli commerciali delle grandi firme. Per accrescere le potenzialità dell’Italia come destinazione della moda, Enit-Agenzia Nazionale del Turismo porta il Bel Paese in Spagna alla Vogue Fashion Night Out, la grande notte dello shopping internazionale giovedì 12 settembre a Madrid. Un’occasione per invertire anche la direzione del turismo di massa e destagionalizzare il settore: il viaggio per shopping infatti aiuta a spostare la spesa su altri circuiti e in periodi dell’anno a minor carico antropico.

(ITALPRESS).